annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

In casa Avellino: terremoti, comunicati, chiacchiere e altre questioni societarie

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Supernaut Visualizza il messaggio

    Provo ad interpretare perché non è certo un'espressione chiara: secondo te pensare che un anno di rodaggio sia ammissibile è da non tifoso? Cioè vuoi veramente scendere al livello di quelli che si mettono a discutere su cosa sia un tifoso e cosa sia da tifoso, e cosa no?.

    su questo ti rassicuro, non voglio scendere al livello del tuo collega moderatore
    aver letto tipo invece di tifoso mi faceva ricordare le polemiche (inutili) fatte con te
    ossia tutti quei paragoni che facevi tra vicende calcistiche e vicende lavorative, familiari ecc come se il calcio fosse una delle nostre "normali" vicende umane
    anche sulla pazienza ognuno ha la propria, la tua è lunga e va bene (io credo di averla giusta), ma trascuri i tempi del calcio
    non di rado nel giro di poche settimane presidenti, allenatori e giocatori passano da eroi a merde e viceversa
    noi stessi siamo passati in pochissimi mesi dal festeggiare una salvezza in B a prendere 3 schiaffi su uno sperduto campetto laziale
    e tu vieni qua a dire che aspetterai 2 anni per giudicare questa dirigenza?
    la tua è una comicità sia pure involontaria alla quale ho potuto replicare solo con una battuta scema
    comunque te lo ripeto; le cose che scrivi (e pure quelle dette in quella intervista che tu citi spesso) sono quasi sempre ragionevoli
    e di buon senso; per nulla fuori dal mondo, ma assolutamente fuori dal calcio


    Commenta


    • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio


      su questo ti rassicuro, non voglio scendere al livello del tuo collega moderatore
      aver letto tipo invece di tifoso mi faceva ricordare le polemiche (inutili) fatte con te
      ossia tutti quei paragoni che facevi tra vicende calcistiche e vicende lavorative, familiari ecc come se il calcio fosse una delle nostre "normali" vicende umane
      anche sulla pazienza ognuno ha la propria, la tua è lunga e va bene (io credo di averla giusta), ma trascuri i tempi del calcio
      non di rado nel giro di poche settimane presidenti, allenatori e giocatori passano da eroi a merde e viceversa
      noi stessi siamo passati in pochissimi mesi dal festeggiare una salvezza in B a prendere 3 schiaffi su uno sperduto campetto laziale
      e tu vieni qua a dire che aspetterai 2 anni per giudicare questa dirigenza?
      la tua è una comicità sia pure involontaria alla quale ho potuto replicare solo con una battuta scema
      comunque te lo ripeto; le cose che scrivi (e pure quelle dette in quella intervista che tu citi spesso) sono quasi sempre ragionevoli
      e di buon senso; per nulla fuori dal mondo, ma assolutamente fuori dal calcio

      Mi sa che ti confondi con qualcun altro o che hai capito fischi per fiaschi, perché quell'intervista non l'ho mai citata neppure una volta, altro che spesso. Ne ho parlato solo nel relativo topic. Al massimo posso aver alluso alla stupidaggine che scrivesti allora tu in particolare ("non ho nulla da imparare, semmai posso essere io ad insegnare"), che mi colpì perché è un perfetto esempio di cosa sia l'effetto Dunning-Kruger, se mai dovessi spiegarlo a qualcuno.

      Ecco anche perché poi degli esempi ti manca di coglierne la sostanza e ti fermi sulla sciocchezza del diverso contesto, reclamando per il calcio uno status di realtà fuori dalle altre realtà. Il fatto è che così come uno è negli altri ambiti quotidiani (intelligente o stupido, colto o ignorante, educato o maleducato, modesto o arrogante, sincero o disonesto, pacato o provocatore, paziente o irascibile, giusto o ingiusto, molle o duro, indipendente o pecorone, ragionatore o credulone, tranquillo o ansioso, sicuro o insicuro, carismatico o condizionabile), così lo ritrovi anche nel calcio (quando commenta, quando pubblica articoli, quando scende in campo, quando allena, quando dirige). E, che te ne capaciti o no, le interazioni con gli altri e gli effetti che le nostre azioni hanno su di loro sono gli stessi. Il calcio è fatto da persone.

      L'unica eccezione è che nella quotidianità molti nascondono il loro lato peggiore per convenienza sociale, sfogandolo nel calcio senza alcun freno perché zona ritenuta franca. Qualche giorno fa parlavo con una persona che si lamentava di non poter più urlare frasi razziste allo stadio, perché secondo lui non c'è niente di male nel dare della scimmia ad un nero se fa il calciatore. Il calcio è mondo a parte, mi diceva proprio. Capisco perché alcuni vorrebbero deroghe etiche e comportamentali, peccato solo che il gioco del pallone sia ormai così permeato nel nostro tessuto sociale che l'impatto culturale sia osmotico.

      Perciò, finché i miei esempi ti faranno ridere, tutto sarà nella norma. Mi allarmerò se mai un giorno non dovesse succedere. Anche se dormo sonni abbastanza tranquilli in merito.
      Nel fragore della battaglia, senti battere il cuore del lupo? (George R. R. Martin)

      Commenta


      • Originariamente inviato da Supernaut Visualizza il messaggio

        Mi sa che ti confondi con qualcun altro o che hai capito fischi per fiaschi, perché quell'intervista non l'ho mai citata neppure una volta, altro che spesso. Ne ho parlato solo nel relativo topic. Al massimo posso aver alluso alla stupidaggine che scrivesti allora tu in particolare ("non ho nulla da imparare, semmai posso essere io ad insegnare"), che mi colpì perché è un perfetto esempio di cosa sia l'effetto Dunning-Kruger, se mai dovessi spiegarlo a qualcuno.

        Ecco anche perché poi degli esempi ti manca di coglierne la sostanza e ti fermi sulla sciocchezza del diverso contesto, reclamando per il calcio uno status di realtà fuori dalle altre realtà. Il fatto è che così come uno è negli altri ambiti quotidiani (intelligente o stupido, colto o ignorante, educato o maleducato, modesto o arrogante, sincero o disonesto, pacato o provocatore, paziente o irascibile, giusto o ingiusto, molle o duro, indipendente o pecorone, ragionatore o credulone, tranquillo o ansioso, sicuro o insicuro, carismatico o condizionabile), così lo ritrovi anche nel calcio (quando commenta, quando pubblica articoli, quando scende in campo, quando allena, quando dirige). E, che te ne capaciti o no, le interazioni con gli altri e gli effetti che le nostre azioni hanno su di loro sono gli stessi. Il calcio è fatto da persone.

        L'unica eccezione è che nella quotidianità molti nascondono il loro lato peggiore per convenienza sociale, sfogandolo nel calcio senza alcun freno perché zona ritenuta franca. Qualche giorno fa parlavo con una persona che si lamentava di non poter più urlare frasi razziste allo stadio, perché secondo lui non c'è niente di male nel dare della scimmia ad un nero se fa il calciatore. Il calcio è mondo a parte, mi diceva proprio. Capisco perché alcuni vorrebbero deroghe etiche e comportamentali, peccato solo che il gioco del pallone sia ormai così permeato nel nostro tessuto sociale che l'impatto culturale sia osmotico.

        Perciò, finché i miei esempi ti faranno ridere, tutto sarà nella norma. Mi allarmerò se mai un giorno non dovesse succedere. Anche se dormo sonni abbastanza tranquilli in merito.

        chissà come mai ti vedo molto più adatto a spiegare effetti simili che non a parlare di calcio
        io potrei ricambiare spiegandoti l'effetto che può prendere un pallone appena calciato, questo a patto che mi assicuri di non aver cancellato accenni
        che hai poco tempo fa scritto sulla intervista di novembre

        a parte ciò, causa persa eri e causa persa rimani
        il tuo inutile trattato sociologico non arriva alla conclusione; quale sarebbe il miglior comportamento da adottare? il tuo? quello di chi magari sta sul divano
        (uno come te allo stadio dovrebbe rimproverare il 90% della gente che apre bocca) ed aspettare che qualcuno gli faccia vincere la propria squadra
        e se non accade pazienza, sarà per l'anno prossimo; su una cosa hai ragione, il calcio è fatto da persone (che hanno un'anima però, piacevole o meno che sia)
        per la cronaca sta roba non mi ha fatto ridere stavolta, in compenso mi ha fatto andare al bagno


        Commenta


        • Pro Piacenza e Matera radiate, Reggina e Cuneo a forte rischio di esclusione dal campionato.
          Evidentemente non era stato asportato il tumore del calcio italiano ma un semplice brufolo.
          I dottori della FIGC hanno apparato un'altra figura di merda.

          Perché farti 1000 km,
          quando puoi fallire comodamente a casa tua?
          (Gianfranco Marziano)

          Commenta


          • comunque...a conti fatti meglio (anzi meno peggio) non essere iscritti a luglio che subire l'ancora più dolorosa esclusione in corso d'opera
            una cosa che per chi ha un briciolo di memoria qualcuno ipotizzò anche per noi la passata stagione, se fosse andato male quel processo...

            Commenta


            • Originariamente inviato da SFAX Visualizza il messaggio
              Pro Piacenza e Matera radiate, Reggina e Cuneo a forte rischio di esclusione dal campionato.
              Evidentemente non era stato asportato il tumore del calcio italiano ma un semplice brufolo.
              I dottori della FIGC hanno apparato un'altra figura di merda.
              Cioè matera non riparte nemmeno dalla D?

              Commenta


              • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio
                comunque...a conti fatti meglio (anzi meno peggio) non essere iscritti a luglio che subire l'ancora più dolorosa esclusione in corso d'opera
                una cosa che per chi ha un briciolo di memoria qualcuno ipotizzò anche per noi la passata stagione, se fosse andato male quel processo...
                Il presidentissimo esimio disse.che non arrivava a marzo

                Commenta


                • Originariamente inviato da SFAX Visualizza il messaggio
                  Pro Piacenza e Matera radiate, Reggina e Cuneo a forte rischio di esclusione dal campionato.
                  Evidentemente non era stato asportato il tumore del calcio italiano ma un semplice brufolo.
                  I dottori della FIGC hanno apparato un'altra figura di merda.
                  non ci sta ancora niente e ufficiale
                  Ultima modifica di ballacoilupi; 10-02-2019, 11:56.
                  Forza Avellino, sempre e comunque

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da ballacoilupi Visualizza il messaggio

                    non ci sta ancora niente e ufficiale
                    Stanno aspettando che non si presentano per la quarta volta, perché non riescono a trovare un cavillo regolamentare per radiare Matera e Pro Piacenza. Le altre due in odore di fallimento sono Cuneo e Lucchese non Reggina che con il cambio di proprietà ha trovato nuova linfa.

                    Commenta


                    • si però fino a mo i partite ro matera e ro pro piacenza so state rinviate ra lega e si continuano accossì è no poco difficile e ci fa fa 4 rinuncia. prima gravina è partuto come o razzo pe vottà fore e mo non trovino o cavillo. se ne jessero a f...
                      Forza Avellino, sempre e comunque

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da trio medusa Visualizza il messaggio

                        Stanno aspettando che non si presentano per la quarta volta, perché non riescono a trovare un cavillo regolamentare per radiare Matera e Pro Piacenza. Le altre due in odore di fallimento sono Cuneo e Lucchese non Reggina che con il cambio di proprietà ha trovato nuova linfa.
                        non hanno giocatori non pagano niente e nessuno devono trovare il cavillo? ma che buffonata in stile italiano

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da zoros Visualizza il messaggio

                          Il presidentissimo esimio disse.che non arrivava a marzo
                          forse sta cosa l'ha fatta lo stesso (a matera per interposta persona)

                          Commenta


                          • Qualcuno sa che fine abbia fatto il ricorso per Sforzini?

                            Commenta


                            • Cuneo-Pro Piacenza 20-0 con gli ospiti in campo con 6 ragazzini + il massaggiatore a fare il centrale difensivo con il numero di maglia attaccato con il nastro adesivo.
                              FIGC e Lega di C hanno permesso questo schifo e i rispettivi presidenti dovrebbero dimettersi non prima di essersi sputati in faccia.
                              Perché farti 1000 km,
                              quando puoi fallire comodamente a casa tua?
                              (Gianfranco Marziano)

                              Commenta


                              • chiuttosto s'adda sputà nfacci chi non sape presentà manco na fidejussione bona
                                Forza Avellino, sempre e comunque

                                Commenta

                                attendi...
                                X