annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

In casa Taccone: terremoti, comunicati, chiacchiere e altre questioni societarie

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Io credo che Paolo79 non abbia insultato nessuno
    "ESSERE SUPERSTIZIOSI È DA IGNORANTI, NON ESSERLO PORTA MALE" (E. De Filippo)

    Commenta


    • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio

      Io sto qua da anni e le uniche volte che mi hai infastidito (abbaiando più che argomentando ) è quando ho scritto di vicienzo; casualmente...
      Poi come ti ho già detto insultandomi non ti sentirai una persona migliore. Quando lo capirai sarà sempre troppo tardi.

      Supernaut invece fa il solito esempio poco calzante. Qui si parla di competere.
      Se la moglie di un mio collega che guadagna come me o pure meno fa mangiare meglio il suo consorte io qualche domanda su mia moglie me la devo porre. I miei colleghi li ho citati più di una volta. Cittadella carpi Crotone spal Frosinone ecc ecc
      colleghi?
      cittadella prende sempre emeriti sconosciuti che senza nessuna pressione spesso diventano buon calciatori a cittadella ma se vanno in piazze importanti non sempre si ripetono poi ti ricordo pure che qualche volta sono retrocessi senza drammi son risaliti

      carpi crotone spal frosinone hanno le proprietà con scarse risorse rispetto alla nostra? non credo proprio forse ultimamente il carpi sta tornando nella sua dimensione (serie D)

      Commenta


      • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio
        I miei colleghi li ho citati più di una volta. Cittadella carpi Crotone spal Frosinone ecc ecc
        Sono squadre che Cittadella forse a parte, hanno avuto sempre disponibilità economiche triplicate rispetto a noi. A parte la campagna acquisti dello scorso gennaio che fu indecente paragonata a quella che andava fatta (adesso non c'è margine di dubbio sul perchè) tanto è vero che a caldo dopo l'esonero di WN aprii anche un topic a riguardo senza immaginare che il suo budget fosse stato la radice quadrata di quel già poco che immaginavo, ha fatto un lavoro che in fin dei conti, facendo la somma delle varie voci, non può non essere valutato come minimo buono.

        IRPINIA LIBERA

        Commenta


        • Corrado al solito non capisce o finge di non capire gli esempi, perdendosi nel superfluo e trascurando la sostanza. In compenso li adopera per deviare il discorso, e lo fa proprio nel modo che mi aspetterei dal quel tipo di persona che sa solo lamentarsi degli altri e nascondersi dietro la costante sottolineatura di una loro presunta inadeguatezza: andando a guardare in altre case per cercare di dire che c'è l'erba più verde!

          Questo è un atteggiamento scorretto oltre che odioso, perché è facile prendere solo gli aspetti più superficiali senza conoscere tutto il resto e raccontare che se non è così anche da noi è per demerito di qualcuno (qualcun altro, ovviamente, nostro mai). La moglie che con lo stesso stipendio ti fa mangiare meglio può pure battere di nascosto, questo vivendo altrove non lo puoi sapere e dunque non ha senso paragonare le situazioni, essendo diverse con presupposti diversi, per lo più a noi non noti.

          Il calcio non è il mercato del pesce dove con X compri X. Ci sono tanti fattori che vanno ad incastrarsi o ad ostacolarsi, non ultimi le politiche di relazione tra i club, le ambizioni dei giocatori, le volontà dei procuratori, la percezione di una piazza rispetto ad un'altra. Guardando in casa nostra e senza raccontarci le favole dei geni delle altre piazze con l'erba più verde, al di là dei desideri dei tifosi (presidente compreso), con il budget a disposizione e con la piazza che siamo, salvezze dovevano essere e salvezze sono state. Sofferte alle volte, più tranquille altre, con serie A sfiorata altre ancora.

          E' ovvio ed inevitabile che per un Trotta che trovi, numericamente devono essere di più i Nica, i Pizza o i Camarà. Altrimenti vai subito in serie A e lotti per la metà della classifica almeno, mentre con le disponibilità a disposizione se non hai un club ricco è già tanto scovare qualcuno bravo ogni tanto, perché gioco forza non puoi andare a prendere troppi elementi bravi o di prospettiva, ne puoi individuare qualcuno che ti dia qualche certezza e poi ripiegare su riempitivi o su scommesse.

          Le scommesse, poi, non sei un genio quando le vinci e non sei un idiota quando le perdi: una volta acquisito un giocatore non puoi certo influenzare più di tanto la sua crescita, il suo inserimento, la sua salute, le sue motivazioni o il suo carattere; là si incastrano tanti altri fattori in parte esterni, in parte soggettivi, che messi insieme ti possono far uscire una stagione come la prima del Vicenza di Marino oppure come le sue successive.

          Andare a rimarcare i giocatori scarsi passati da Avellino e confrontarli per numero con quelli buoni è un esercizio demenziale. Una forzatura fatta solo perché disprezzare è facile e non richiede sforzi.

          De Vito può anche non piacere e si può pure giudicare negativamente il suo lavoro, questo non è certo un delitto. Si può tranquillamente dire e se ne può discutere. Farlo in questo modo, con questo costante atteggiamento denigratorio e di dileggio, dimostra che siamo al di là dell'opinione e della preferenza, siamo nell'ambito della cattiveria (ma non è certo una novità).
          Ultima modifica di Supernaut; 10-10-2018, 10:55.
          Nel fragore della battaglia, senti battere il cuore del lupo? (George R. R. Martin)

          Commenta


          • Originariamente inviato da Aldair Visualizza il messaggio
            Io credo che Paolo79 non abbia insultato nessuno
            potrei rispondere che la tua credibilità scrivendo questo si abbassa, se non fosse che per me ha già da tempo toccato il fondo

            Commenta


            • Originariamente inviato da ErNanna Visualizza il messaggio

              Sono squadre che Cittadella forse a parte, hanno avuto sempre disponibilità economiche triplicate rispetto a noi. A parte la campagna acquisti dello scorso gennaio che fu indecente paragonata a quella che andava fatta (adesso non c'è margine di dubbio sul perchè) tanto è vero che a caldo dopo l'esonero di WN aprii anche un topic a riguardo senza immaginare che il suo budget fosse stato la radice quadrata di quel già poco che immaginavo, ha fatto un lavoro che in fin dei conti, facendo la somma delle varie voci, non può non essere valutato come minimo buono.
              crotone, carpi il triplo? spal il triplo? il Frosinone neopromosso di stellone il triplo? non ci siamo…
              negli ultimi anni sono usciti i monte ingaggi, che io o qualche altro abbiamo trascritto qua sopra; in quanto ai cartellini è stranoto che le società di B che li pagano si contano sulle dita di una mano
              per cui la mia colpa è affermare dati alla mano che voccone non era affatto il più miserabile della B; ok su gennaio scorso soldi ce ne stavano pochi e li abbiamo buttati su cabezas in modo assurdo

              Commenta


              • Originariamente inviato da Supernaut Visualizza il messaggio
                perdendosi nel superfluo e trascurando la sostanza

                De Vito può anche non piacere e si può pure giudicare negativamente il suo lavoro, questo non è certo un delitto. Si può tranquillamente dire e se ne può discutere. Farlo in questo modo, con questo costante atteggiamento denigratorio e di dileggio, dimostra che siamo al di là dell'opinione e della preferenza, siamo nell'ambito della cattiveria (ma non è certo una novità).

                la sostanza caro mio è che sei stato in concorrenza con altre 21 società; i tuoi risultati sono dipesi non solo dal tuo lavoro ma pure da quello altrui
                certi paragoni sono inevitabili, se fatti nel modo corretto; ed io cerco sempre di esserlo, accettando pure le critiche ma non lo squallore di chi scrive di coglionaggini

                meno male che non ho commesso delitti quindi; però io credo di non dileggiare ne denigrare; al contrario c'è chi ha subito provato ad esaltare un passaggio al parma che non rappresenta
                alcun premio ed alcuna promozione, ma soltanto una opportunità

                il premio VERO sarebbe stato se fosse stato scelto non da disoccupato ma da occupato; ad Avellino questo in 5 anni è capitato solo a 2 soggetti (rastelli e trotta)
                andare a fare il vice Ds non è una promozione, è l'opportunità di entrare nel giro grosso; questa cosa potrà concludersi in 2 modi in futuro; o prende il posto del faggiano e quindi sarà promosso,
                oppure visto che il parma ha ripreso il vizietto di avere mani in pasta in altre società sarà sbolognato a fare il Ds in qualche società di serie minore; non resta che aspettare…

                detto ciò io gli auguro il meglio possibile, perché non ce l'ho con lui; sono solo contento che dopo 7 anni si sia finalmente allontanato dall'avellino calcio

                Commenta


                • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio

                  potrei rispondere che la tua credibilità scrivendo questo si abbassa, se non fosse che per me ha già da tempo toccato il fondo
                  E io di questo te ne sono grato
                  "ESSERE SUPERSTIZIOSI È DA IGNORANTI, NON ESSERLO PORTA MALE" (E. De Filippo)

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Supernaut Visualizza il messaggio
                    Corrado al solito non capisce o finge di non capire gli esempi, perdendosi nel superfluo e trascurando la sostanza. In compenso li adopera per deviare il discorso, e lo fa proprio nel modo che mi aspetterei dal quel tipo di persona che sa solo lamentarsi degli altri e nascondersi dietro la costante sottolineatura di una loro presunta inadeguatezza: andando a guardare in altre case per cercare di dire che c'è l'erba più verde!

                    Questo è un atteggiamento scorretto oltre che odioso, perché è facile prendere solo gli aspetti più superficiali senza conoscere tutto il resto e raccontare che se non è così anche da noi è per demerito di qualcuno (qualcun altro, ovviamente, nostro mai). La moglie che con lo stesso stipendio ti fa mangiare meglio può pure battere di nascosto, questo vivendo altrove non lo puoi sapere e dunque non ha senso paragonare le situazioni, essendo diverse con presupposti diversi, per lo più a noi non noti.

                    Il calcio non è il mercato del pesce dove con X compri X. Ci sono tanti fattori che vanno ad incastrarsi o ad ostacolarsi, non ultimi le politiche di relazione tra i club, le ambizioni dei giocatori, le volontà dei procuratori, la percezione di una piazza rispetto ad un'altra. Guardando in casa nostra e senza raccontarci le favole dei geni delle altre piazze con l'erba più verde, al di là dei desideri dei tifosi (presidente compreso), con il budget a disposizione e con la piazza che siamo, salvezze dovevano essere e salvezze sono state. Sofferte alle volte, più tranquille altre, con serie A sfiorata altre ancora.

                    E' ovvio ed inevitabile che per un Trotta che trovi, numericamente devono essere di più i Nica, i Pizza o i Camarà. Altrimenti vai subito in serie A e lotti per la metà della classifica almeno, mentre con le disponibilità a disposizione se non hai un club ricco è già tanto scovare qualcuno bravo ogni tanto, perché gioco forza non puoi andare a prendere troppi elementi bravi o di prospettiva, ne puoi individuare qualcuno che ti dia qualche certezza e poi ripiegare su riempitivi o su scommesse.

                    Le scommesse, poi, non sei un genio quando le vinci e non sei un idiota quando le perdi: una volta acquisito un giocatore non puoi certo influenzare più di tanto la sua crescita, il suo inserimento, la sua salute, le sue motivazioni o il suo carattere; là si incastrano tanti altri fattori in parte esterni, in parte soggettivi, che messi insieme ti possono far uscire una stagione come la prima del Vicenza di Marino oppure come le sue successive.

                    Andare a rimarcare i giocatori scarsi passati da Avellino e confrontarli per numero con quelli buoni è un esercizio demenziale. Una forzatura fatta solo perché disprezzare è facile e non richiede sforzi.

                    De Vito può anche non piacere e si può pure giudicare negativamente il suo lavoro, questo non è certo un delitto. Si può tranquillamente dire e se ne può discutere. Farlo in questo modo, con questo costante atteggiamento denigratorio e di dileggio, dimostra che siamo al di là dell'opinione e della preferenza, siamo nell'ambito della cattiveria (ma non è certo una novità).
                    Bell'intervento, è sempre un piacere leggerti ma in questo caso ho apprezzato di più la sintesi di Paolo
                    "ESSERE SUPERSTIZIOSI È DA IGNORANTI, NON ESSERLO PORTA MALE" (E. De Filippo)

                    Commenta


                    • Mi manca il dono della sintesi, lo so.
                      Nel fragore della battaglia, senti battere il cuore del lupo? (George R. R. Martin)

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio

                        La cosa bella è che chi difende a spada tratta vicienzo ha fatto lo stesso col voccone. E guai se glielo ricordi...
                        Non votta miezzo il Santo sennò escimmo che è stato tutto no gomblotto

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da corrado Visualizza il messaggio

                          La cosa bella è che chi difende a spada tratta vicienzo ha fatto lo stesso col voccone. E guai se glielo ricordi...
                          non li comparerei nemmeno minimamente sullo stesso piano.
                          Non scherziamo...
                          Taccone è candidato a essere il peggiore presidente della storia...nel rapporto debiti/anni di presidenza.
                          De Vito ha fatto i suoi errori, ma assolutamente sufficiente.

                          Gli errori piu grandi nel primo anno di Rastelli in B...passeggiatore togni zavorra in campo e fuori col triennale perchè non potemmo comprare un "Garritano" qualunque per fare il girone di ritorno come quello di andata con un contropiedista che avrebbe potuto condurci a ottimi play off.
                          Poi se non siamo nemmeno arrivati a play off lo sanno manganiello al 10% e i giocatori al 90%...
                          Ultima modifica di granlupo; 11-10-2018, 18:03.
                          un vuoto temporale che ogni tifoso irpino deve creare nella storia del lupo...2009/18.. il nulla.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da zoros Visualizza il messaggio

                            Non votta miezzo il Santo sennò escimmo che è stato tutto no gomblotto
                            Di' la verità, lo rimpiangi.
                            Bei tempi quelli quando scrivevi del santo più volte al giorno.
                            Ora ti senti perso, non sai cosa dire, cosa scrivere. Ogni tanto qualche compare ti fa risvegliare e tu lasci sul forum il tuo "uanima ro priatorio" tornandotene nuovamente in letargo come il più famoso suocero del prof. Bellavista.
                            "ESSERE SUPERSTIZIOSI È DA IGNORANTI, NON ESSERLO PORTA MALE" (E. De Filippo)

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da granlupo Visualizza il messaggio
                              non li comparerei nemmeno minimamente sullo stesso piano.
                              Non scherziamo...
                              Taccone è candidato a essere il peggiore presidente della storia...nel rapporto debiti/anni di presidenza.
                              De Vito ha fatto i suoi errori, ma assolutamente sufficiente.

                              Gli errori piu grandi nel primo anno di Rastelli in B...passeggiatore togni zavorra in campo e fuori col triennale perchè non potemmo comprare un "Garritano" qualunque per fare il girone di ritorno come quello di andata con un contropiedista che avrebbe potuto condurci a ottimi play off.
                              Poi se non siamo nemmeno arrivati a play off lo sanno manganiello al 10% e i giocatori al 90%...

                              io invece a differenza tua penso che voccone con tutti i suoi limiti poteva andare in A i primi 2 anni se avesse avuto un ds migliore
                              uno che azzeccase qualcuno dei pochi acquisti onerosi, oppure che invece di totalizzare 50 bidoni si fosse fermato a 43/44
                              ad esempio ricordo quando salì il pescara grazie in larga parte ad un lapadula che fece quasi 30 gol preso in C dal teramo
                              noi invece dalla C avevamo preso per 4 anni arrighini pagando pure il pontedera; sono ste cose spesso a fare la differenza

                              invece negli ultimi 3 anni potevamo soffrire di meno e soprattutto perdere qualche derby in meno se avessimo azzeccato tanto per
                              cominciare l'allenatore di partenza; invece come ben sai rastelli è rimasto un caso isolato; e chi li ha scelti si fosse mai una
                              volta assunto la responsabilità presentando le dimissioni (che poi il presidente gli poteva benissimo respingere)

                              detto ciò concordo con la tua sufficienza; se fosse stato scarso in ogni caso non si facevano 5 anni di B consecutivi



                              Commenta


                              • nui giustamente pigliaum sulo jucaturi ra serie c ma non ammo mai pigliato a no lapadula, no donnarumma, no sprocati oppure no stulac pigliato a parametro 0 a slovenia. tutta gente che quann steva in serie c costava poco e ti faceva fa pure e plusvalenze, quisto è o rimprovero che faccio o DS
                                Ultima modifica di ballacoilupi; 12-10-2018, 12:02.
                                Forza Avellino, sempre e comunque

                                Commenta

                                attendi...
                                X